Weblogic

Home Aree tematiche L'altra globalizzazione Di corpi e di parol.e. Una riflessione sul rapporto donne lingua ai tempi del patriarcato
Di corpi e di parol.e. Una riflessione sul rapporto donne lingua ai tempi del patriarcato PDF Stampa E-mail
Aree tematiche - L'altra globalizzazione
Martedì 07 Febbraio 2012 16:53

di Adriana Perrotta Rabissi

I corpi sono quelli delle donne, che negli ultimi tempi si affacciano sempre più numerose, anche in Italia, sulla scena della politica, della cultura e dell'economia. Le parole sono quelle impiegate dai principali mezzi di comunicazione per parlare di loro.

Leggendo articoli sui quotidiani nazionali, ascoltando radio e televisioni, si osserva una generale nominazione maschile degli incarichi pubblici, istituzionali e professionali pur esercitati da donne, con un corredo di veri e propri errori grammaticali e torsioni espressive che sfiorano il ridicolo; c'è anche qualche tentativo coraggioso, e un po' incerto, di declinare al femminile cariche e titoli riferiti a donne, secondo le regole della morfologia.

Tentativi che riscuotono spesso critiche e/o commenti spesso ironici, quando non sarcastici, accompagnati da fantasiose e deboli argomentazioni, che reggono poco sia sul piano grammaticale sia su quello logico, ma che segnalano un profondo fastidio nei confronti di modificazioni della lingua in uso.

Tanto che viene da chiedersi il perché di tali resistenze di fronte a fenomeni di evoluzione linguistica, accettata senza problemi in altri campi, basti pensare ai termini provenienti da altre lingue nazionali, gerghi, codici, sottocodici, che dopo qualche tempo entrano nell'uso comune, sia che piacciano, sia che dispiacciano.

 

Eppure l'androcentrismo dell'italiano, che ha reso l'uomo, in quanto maschio, il soggetto di pensiero e di discorso, è oggetto di riflessione da qualche decennio, a partire dagli scritti pionieri di Alma Sabatini e Patrizia Violi alla metà degli anni Ottanta in Italia, mentre studi e ricerche si erano attivate da tempo nell'area culturale occidentale europea e nord-americana.

Se ne è discusso nell'ambito dei Centri Studi, Librerie, Biblioteche e Archivi delle donne, si sono organizzati Convegni e Seminari nazionali e internazionali; la Commissione delle Comunità Europee finanziò a Milano nel 1988 un convegno dal titolo: Perleparole. Le iniziative a favore dell' informazione e della documentazione delle donne europee, al quale parteciparono rappresentanti di una decina di realtà europee e altrettante italiane. L'esito del serrato confronto fu la decisione di mettere a punto, nei vari settori della comunicazione e dell'informazione, nuovi linguaggi in grado da un lato di restituire la presenza o l'assenza delle donne nei processi reali della vita di una comunità, presenza o assenza occultate dalla pratica di considerare il maschile come neutro (non solo rispetto al sesso, ma anche rispetto ad altre determinazioni di natura materiale e sensibile) e in quanto tale universale, dall'altro di fare emergere la specificità dei contenuti della riflessione delle donne, in modo che non risultassero stravolti e appiattiti dai linguaggi della cultura e della politica tradizionali; una produzione caratterizzata dall'intensa contaminazione di campi di studio e ricerca, e dall'intreccio tra settori disciplinari e politici e esperienze di vita e di pensiero di donne e uomini fino ad allora nettamente separati; mi riferisco per esempio alla divisione tra la sfera pubblica (sociale, politica, culturale) e privata (sentimentale, affettiva e familiare) separazione messa sotto critica dalle locuzioni partire da sé e il privato è politico.

Nell'ambito dei Centri studi, Archivi, Biblioteche e Case delle donne che andavano moltiplicandosi su tutto il territorio, l'area individuata in prima battuta fu quella della documentazione dai linguaggi fortemente codificati, perché devono obbedire a criteri di sinteticità e precisione senza ambiguità.

Fu costruito Linguaggiodonna. Primo thesaurus di genere in lingua italiana, uno strumento di indicizzazione costituito dal linguaggio naturale dei documenti, che disordinava e sovvertiva le tradizionali partizioni fondanti l'organizzazione culturale ufficiale, di natura capitalistico-patriarcale, e al contempo introduceva inedite soluzioni grammaticali, difficili da accettare in uno strumento di indicizzazione, pur legittimate dalle regole grammaticali italiane.

L'iniziativa ebbe rilievo nell' ambito della documentazione, furono organizzati Seminari e Corsi di formazione da istituzioni quali Provveditorati scolastici, Comuni, Province e Regioni, se ne parlò su qualche giornale e rivista specializzata, la ricerca continuò nei Centri e nelle Case delle donne; Linguaggiodonna venne subito implementato e costituì il primo nucleo del linguaggio di indicizzazione dei Centri italiani che costituirono la Rete Lilith (http://www.retelilith.it/), rete informativa dei Centri delle donne.

Ma di tutto questo lavoro e fervore di iniziative sembra non restare traccia nei nostri mezzi di informazione, qualcosa si coglie nel web: blog, siti, prevalentemente di giornaliste e social network; poco finora è emerso nell'opinione pubblica allargata, tuttavia basta toccare il dato più immediatamente percepibile del discorso, semplicemente la punta dell' iceberg, vale a dire la femminilizzazione dei titoli e delle professioni, per suscitare reazioni negative. Una delle più serie è costituita dalla domanda retorica se la lingua modifichi le mentalità o invece occorra modificare prima le mentalità per ottenere le adeguate trasformazioni linguistiche.

E' un falso problema, perché i due fenomeni sono strettamente intrecciati, qualora si consideri la lingua non solo come strumento di informazione e comunicazione,  ma come uno dei più importanti sistemi simbolici a nostra disposizione, infatti costituisce uno degli strumenti privilegiati per la costruzione della soggettività individuale e collettiva e in primo luogo dell'identità di genere; pertanto non ha solo la funzione di rispecchiare i valori, ma anche quella di concorrere a determinarli, organizzando le nostre menti.

Ogni lingua storico-naturale reca in sé la sedimentazione di tutti i significati individuali e collettivi attribuiti alle parole nel corso del tempo, ma è anche un deposito di tutti gli elementi: giudizi di valore, fantasie, emozioni, affetti, paure, desideri, speranze, idee e comportamenti, ai quali veniamo socializzati ancor prima della nascita.

La funzione modellizzante della lingua fa sì dunque che le rappresentazioni sociali in essa sedimentate si traducano, a livello del senso comune, in forme ritenute obiettive di conoscenza.

Costituisce dunque il nostro ambito primario di soggettivazione, i binari su cui viaggia il nostro pensiero, è tramontata per alcuni/e la concezione della lingua soltanto come "nomenclatura, vale a dire una lista di termini corrispondenti ciascuno a una cosa", o ancora come un "repertorio di fedeli immagini della realtà " (De Mauro 1975), una realtà che risulterebbe ordinata nella mente, già prima di un successivo intervento della lingua. Questa concezione, elaborata per la prima volta da Aristotele, fu ribadita da molti linguisti fino al secolo scorso, rimase presente e diffusa nella cultura del Novecento, ed è tuttora ancora viva: essa considera il linguaggio verbale come un raffinato strumento di comunicazione di immagini, concetti, emozioni, pensieri già presenti nell'interiorità delle/degli umane/i.

Alcuni teorie recenti nei campi della linguistica, della filosofia della lingua, della psicologia, della neurofisiologia e dell'antropologia tendono piuttosto a porre l'accento sulla facoltà del linguaggio verbale come vera e propria caratteristica biologica della nostra specie di appartenenza (homo sapiens sapiens), infatti ipotizzano che non sarebbe esistita mente veramente umana priva di linguaggio: la mente umana sarebbe così una mente linguistica (Cimatti 2002, Hagège,2002). Le lingue storico-naturali, quindi, hanno una duplice funzione: da un lato rispecchiano l'ordine culturale e sociale delle/dei parlanti, dall'altro danno forma alla concezione del mondo di costoro, perché determinano le categorie di percezione e classificazione della realtà. Le lingue, infatti, non registrano proprietà intrinseche della natura, bensì categorie che proprio in esse si sono formate e che sono state proiettate poi sulla natura; le stesse distinzioni che noi percepiamo tra oggetti e eventi esistono per noi perché abbiamo nella nostra lingua nomi specifici atti a indicarle, ma l'appartenenza a una serie o all' altra non è universale, dipende dalla formulazione che ne danno le diverse lingue, basti pensare alla concezione di dio nelle varie culture: evento, parola (verbo) o persona?

Un certo modo di parlare, appreso fin dalla prima infanzia, e, in quanto tale, percepito comunemente come un fatto naturale, e non storicamente determinato, diventa per automatismo un certo modo di pensare.

Le lingue sono anche i luoghi della codificazione dei ruoli sessuali nelle diverse culture e società, ruoli vissuti come naturali e quindi spesso ritenuti immutabili, proprio perché appresi dalla e nella lingua materna; intendo riferirmi all'insieme di tratti: qualità, caratteristiche psicofisiche, disposizioni d'animo, atteggiamenti, modelli di comportamento, aspettative e sentimenti pertinenti alle immagini del femminile e del maschile secondo i canoni delle educazioni di genere, alle quali dovrebbero conformarsi le donne e gli uomini reali.

Allo stesso modo, gli stereotipi sedimentati nelle lingue (in relazione anche ad altre componenti discriminatorie oltre al sesso, quali l'appartenenza a certe etnie, la pratica di determinate religioni e mestieri) agiscono nel profondo, trasformati in vere e proprie rappresentazioni culturali e sociali, fatte proprie, a volte a livello inconsapevole, dai/dalle parlanti/pensanti.

Nel percorso dall'invisibilità alla visibilità, processo che nel corso del Novecento ha raggiunto un'estensione mai verificatasi precedentemente, la lingua e l'ordine del discorso sono tra i primi elementi con cui dover fare i conti.

Emanciparsi dal destino storico-naturale per entrare nella cultura da soggetto, invece che da semplice oggetto di teorie e interpretazioni, o tutt'al più da locutrice di un discorso già costituito, significa per una donna in-s-contrarsi con una particolare collocazione del femminile dunque all'interno dell'ordine simbolico, costituito in modo androcentrico, una posizione dislocata rispetto alla centralità del maschile. Da qui origina una certa condizione di subalternità delle donne, assegnate al polo femminile, nell'organizzazione sociale, come abbiamo visto, in tutta la varietà di modi, aspetti, e forme in cui questa subalternità si è storicamente manifestata.

Da qui però, anche le varie forme di resistenza, adottate da molte donne.

Una prova piccola, ma significativa, del fatto che l'asimmetria linguistica sottende una profonda asimmetria di valore si ha quando si provi a utilizzare un femminile generico per rappresentare gli uomini in una lista mista di persone, un uomo non accetterebbe mai di sentirsi includere in un femminile, per una donna invece è naturale essere rappresentata al maschile; molte professioniste preferiscono il titolo maschile perché dotato automaticamente di maggiore prestigio, meglio essere avvocato che avvocata.

Le bambine e le donne, quindi, nella propria vita dovranno spesso fare i conti non solo con gli eventuali vincoli sociali opposti alla propria piena realizzazione e autodeterminazione, ma anche e soprattutto con le proprie schiavitù interiori, indotte dalla fragilità dei sentimenti di autostima e di stima per le donne in generale, interiorizzata attraverso le rappresentazioni depositate nella lingua.

Questa svalorizzazione costituisce il primo gradino verso la strutturazione psichica della dipendenza dagli uomini.

Ad un'analisi di genere della lingua italiana -uso del maschile pseudouniversale per rappresentare donne e uomini, significato differente di aggettivi (indicatori di qualità) se attribuite a donne o uomini, uso dell'appellativo di signora al posto del titolo o della professione, e varie altre- salta all'occhio il richiamo costante ad un ordine del discorso che continua a confinare le donne nell'ambito della natura, del corpo, della sessualità, della riproduzione biologica e sociale, del privato affettivo-familiare come ambito proprio e prioritario, escludendone contemporaneamente gli uomini, confinati a loro volta nella mascolinità.

Di qui, allora, la necessità di una serie di accorgimenti linguistici che diano concreta visibilità ai due soggetti, tanto per cominciare.

Le resistenze profonde alle trasformazioni linguistiche in questo campo segnalano che non si tratta semplicemente di modificazioni di costumi e abitudini, ma rimandano, anche se confusamente, a tentativi pericolosi di destrutturare un assetto, quello che sappiamo essere fondato sul patriarcato, trasmesso attraverso le strutture e i meccanismi di funzionamento della lingua. Credo sia importante l'adozione di dispositivi che disarticolino gli stereotipi sessisti, contrastando il fenomeno dell'inerzia linguistica e quindi mentale di donne e uomini, e abituino le/i parlanti alla continua consapevolezza che i soggetti del discorso sono due.

Anche il mito ci soccorre in questa interpretazione: Eco e Medusa rappresentano un monito severo per quelle donne che abbandonano la sicurezza confortevole dei luoghi a loro congeniali -il mondo degli affetti, della cura delle persone, della manutenzione e riparazione di ambienti, di ingentilimento dei costumi, di addomesticamento delle naturali barbarie e ferocia maschili, in altre parole la loro funzione storica sessuo-riproduttiva - per avventurarsi nei territori della produzione culturale e politica, la loro vicenda segnala infatti i due rischi più comuni: la ripetizione di parole altrui e/o il silenzio (Tommasi 1987). Paradigma della collocazione delle donne nei confronti del sapere e della cultura ufficiali, all'insegna della perdita del corpo.

Eco perde il corpo per un eccesso di passione, poco importa che ne sia l'oggetto -nel mito meno conosciuto viene fatta a pezzi mentre tenta di sfuggire a Pan- o il soggetto -si consuma nell'amore per Narciso fino a confondersi con le rocce- in entrambi i casi di lei resta solo la voce, che, per vendetta di Giunone, non può prendere l'iniziativa di parlare come soggetto del discorso, ma deve limitarsi a ripetere frammenti disarticolati, le sillabe finali di parole altrui.

Medusa perde anch'essa il proprio corpo, resta la testa, irrigidita in una smorfia terrificante, un urlo muto, che fa orrore: o è lei che prova orrore per quello che ha visto e potrebbe rivelare?

Un urlo che ha il potere di impietrire chi la guardi, torna l'immagine della roccia, l'immobilizzazione, la sua cifra è il silenzio.

In entrambi i casi le punizioni di Eco e Medusa avvengono per mano di due dee Giunone e Atena che sono madre e sorella conformi all'ordine patriarcale, incarnano nella nostra cultura due modelli di destino storico delle donne: Giunone è moglie e madre, potente e fiera del suo potere, protettrice dell'istituzione familiare, orgogliosa delle sue prerogative, anche se comunque subordinata al marito; Atena è la sorella degli uomini, coraggiosa, savia e forte, protettrice delle armi e delle tecnologie, una donna che si è anche affrancata dalla miseria di nascere da un corpo di donna, nessuna genealogia femminile, vera figlia di un capo, vera donna emancipata dal femminile materno e/o seduttivo (alla Venere. Credo che molte delle donne della mia generazione si siano identificate con lei, assumendo il suo ruolo!).

Due ruoli sociali pacificati e pacificanti che in qualche modo sono stati sfidati da Eco e Medusa, Giunone e Atena le puniscono per mantenere l'ordine sociale costituito.

Ma Eco e Medusa indicano anche l'insopprimibile passione del dire, anche a rischio di perdere un'interezza, al di là degli interdetti reali o immaginari, auto/o etero imposti.

In conclusione il vero problema è comprendere che gli stereotipi sessisti della lingua non sono aspetti formali, ma tratti sostanziali della mentalità corrente di uomini e donne, e pertanto concorrono a mantenere la discriminazione delle donne nel pensiero e nella vita

Per questo da circa trent'anni esistono in Italia (altrove da molto prima, a Amsterdam ad esempio dagli anni '30 del Novecento) iniziative e situazioni di ricerca, nell'ambito della lingua e dei linguaggi specialistici, per mettere a punto strumenti linguistici in un'ottica di  genere, a partire dal  riconoscimento formale che i soggetti sono due. La femminilizzazione dei titoli e delle professioni esercitate da donne è solo il primo passo, non a caso proprio questo tema è stato affrontato in vari incontri, quali, per limitarmi alle iniziative più recenti, il Convegno organizzato  alla Sapienza di Roma nel novembre 2009, quello a Ca' Foscari di Venezia nel gennaio 2010.  A marzo del 2009 si è tenuto a Milano un Convegno Internazionale del gruppo Web Semantico (un gruppo di lavoro nato nel 2000, eterogeneo per composizione, formato da bibliotecari/e, documentalisti/e, archivisti/e, grafici/che editori/editrici, formatori/trici, insegnanti, imprese, che si propone di  recuperare conoscenze in rete attraverso linguaggi di indicizzazione dei documenti), nell'ambito del Convegno un'intera sezione è stata dedicata al sessismo della lingua italiana e alle misure per superarlo. 

Infine proprio in questi giorni a Venezia si è tenuto un Convegno internazionale dal titolo: Declinare i ruoli nella società, nella comunicazione, nella formazione, che ha lo scopo di: "favorire un'attenta riflessione sugli stereotipi linguistici presenti nei media, nei testi scolastici, e nella comunicazione quotidiana in generale, e sviluppare nuove modalità di comunicazione che contribuiscano a creare, nelle giovani e giovanissime generazioni, un'identità di genere positiva e paritaria, con il contributo di giornaliste, giuriste, esperte in formazione scolastica e linguiste italiane e straniere che da anni si occupano di questi temi [...] [per] un uso della lingua rispettoso della parità di genere [che] è di fondamentale importanza per un effettivo superamento delle disuguaglianze che sono un dato di fatto della società italiana. Ricordiamo infatti che l'Italia è ancora al 74° posto nella classifica mondiale del gender gap, http://reports.weforum.org/global-gender-gap-2011/" (Giuliana Giusti, Declinare i ruoli nella società, http://www.facebook.com/groups/genere.lingua/doc/311761928861693/).

 

Nota bibliografica

http://reports.weforum.org/global-gender-gap-2011/

Cimatti, F., La mente silenziosa, Editori Riuniti, Roma, 2002

Giusti, G., Declinare i ruoli nella società, http://www.facebook.com/groups/genere.lingua/doc/311761928861693/).

De Mauro, T., Introduzione alla semantica, Laterza, Roma-Bari, 1975

Hagège, C., Morte e rinascita delle lingue. Diversità linguistica come patrimonio dell'umanità, Feltrinelli, Milano, 2002

Perrotta Rabissi, A. e De Ferrari P., Da linguaggiodonna al web semantico. Resoconto di un'esperienza, intervento presentato alla Tavola Rotonda del Convegno Bibliostar, Controllo terminologico: uno strumento strategico per la comunicazione tra i professionisti dell'informazione a livello europeo. Il caso degli studi di genere, Milano, marzo 2009

Perrotta Rabissi, A., Donne di parole, in "Scuola ticinese", n° 254, Gennaio-Febbraio 2003, p.33-36

Perrotta Rabissi, A., Parlare e scrivere senza cancellare uno dei due sessi, in Chiti, E (a cura di), Educare ad essere donne e uomini. Intreccio tra teoria e pratica, Rosenberg e Sellier, Torino,1998,

Perrotta Rabissi, A. e Perucci, M.B., Perleparole. Le iniziative a favore dell'informazione e della documentazione della donne europee, Utopia, Roma, 1989

Perrotta Rabissi, A. e Perucci, M.B., Linguaggiodonna . Primo Thesaurus di Genere in lingua Italiana, Centro di studi storici sul movimento di liberazione della donna in Italia, Milano, 1991

Sabatini, A., Il sessismo nella lingua italiana, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Roma, 1987

Sbisà M., Fra interpretazione e iniziativa, in Magli, P (a cura di), Le donne e i segni. Scrittura, linguaggio, nel segno della differenza femminile, "Luoghi comuni", n° 1, gennaio-giugno, Urbino,

1985 Tommasi, W., Dal neutro alla mediazione femminile, in Il filo di Arianna, letture della differenza sessuale, Utopia, Roma, 1987