Weblogic

Home Il dibattito redazionale
Editoriali e dibattiti
Desiderio maschile, patriarcato, prostituzione PDF Stampa E-mail
Editoriali e dibattiti - Dibattito redazionale
Venerdì 11 Gennaio 2013 08:27

In un articolo di Gabriele Lenzi, intitolato 'Desiderio maschile e patriarcato',  l'autore mette a tema desiderio maschile e corpo della donna come oggetto del desiderio. L'articolo è stato letto da redattori e redattrici e quello che segue è il resoconto del dibattito sorto tra alcuni componenti.

In an article by Gabriele Lenzi, entitled 'Male desire and patriarchy', the writer fucuses on male desire and woman body as an object of desire. Such an article has been read by the members of the editorial staff. What  follows is the report of the discussion risen among some of them.

In einem Artikel von Gabriele Lenzi, mit dem Titel 'Männliches Begehren und Patriarchat', stellt der Autor das männliche Begehren und den Körper der Frau als Objekt dieses Begehrens zum Thema. Der Artikel wurde von Redakteuren und Redakteurinnen gelesen und das was folgt, ist eine Zusammenfassung der Diskussion, die zwischen einigen Komponenten aufkam.

Scrive Gabriele Lenzi su zeroviolenzadonne il 31 gennaio 2012:

"Viviamo circondati da una continua proposta mediatica di modelli di desiderio maschile, in cui sono mostrati sia soggetti che desiderano sia oggetti da desiderare (un presentatore dice a una valletta di voltarsi in modo che lui e il pubblico possano vederle il sedere). Lorella Zanardo e collaboratori, a partire dal progetto Il corpo delle donne, hanno denunciato l’incessante rappresentazione mediatica italiana di un modello relazionale che prevede per la donna il ruolo di giocattolo erotico da baraccone, oggetto a un tempo di desiderio e di sopruso, e che stabilisce per l’uomo il ruologuido-crepax-valentina-1complementare di chi ha il desiderio, e il potere, di ottenere/mantenere quella posizione della donna. Questa propaganda, con una forza educatrice negativa che nei fatti è troppo spesso sottovalutata, impone un modello di realizzazione femminile tutto appiattito su quell’immaginario, ma ha altrettanta presa sul pubblico maschile, a cui quei messaggi, tutti improntati sull’opposizione uomini-donne, si rivolgono con la forza persuasiva del dominio e del desiderio. Per il maschio eterosessuale tutto ciò riguarda, oltre alla sua ideologia e ai rapporti in genere con il femminile, l’erotismo e la sfera affettiva."

Il dibattito nato da questo articolo si è poi arricchito della discussione sopra un'immagine pubblicitaria, quella della show girl Belen Rodriguez che reclamizza una marca di intimo e anche su alcuni articoli dello stesso tenore apparsi su ‘zeviolenzadonne’ e ‘un altro genere di comunicazione’.

Franco:

Partirò da me, come il pensiero femminista invita a fare. È vero che si parla pochissimo fra uomini della propria sessualità: se penso a me, non posso che confermare e se penso ai miei amici più cari e intimi insieme a me, negli anni a partire dall'adolescenza fino a oggi, non ricordo confidenze da parte loro e neppure da parte mia, quindi penso che l'affermazione contenuta nel documento, assai interessante, sia ragionevolmente da estendere a una maggioranza del genere maschile o almeno a un buon numero. Ricordo confidenze anche intime sulle difficoltà della relazione con una donna, ricordo anche qualche richiesta di consiglio (anche da parte mia), oppure di confronto sulle relazioni che avevamo, ma raramente si arrivava a toccare il punto specifico della sessualità e del desiderio maschile e, dei rari ricordi che ho, mi rimane la sensazione di un rapido sorvolo, oppure di un discorso che era chiaramente il riflesso quasi pavloviano rispetto alle elaborazioni del movimento femminista. Mi è capitato, invece di parlarne con la mia partner e anche con amiche, con maggiore naturalezza.  Tuttavia, una volta detto ciò, credo che l'intervento manchi di una prospettiva storica, nel senso che un discorso pubblico e di massa sulla sessualità e il desiderio di entrambi i generi, ha poco più di cent'anni di vita se lo si fa risalire alla psicanalisi e non più di cinquanta se lo si riferisce ai tre eventi che ne hanno determinato lo sviluppo e il corso: la nascita dei movimenti degli anni '60 (rivoluzione sessuale), i movimenti femministi e omosessuali. Add a comment
Leggi tutto...
 
Anni settanta addio? Riflessioni su una mostra a Milano. PDF Stampa E-mail
Editoriali e dibattiti - Dibattito redazionale
Martedì 06 Novembre 2012 08:41

Riflessioni della redazione sulla mostra tenuta al Palazzo reale di Milano, col titolo Anni settanta addio (senza punto interrogativo!) e conclusasi ai primi di settembre del 2012.

A cura della redazione.Mostra al palazzo reale di Milano: Addio anni settanta

Paolo:

Comincio dal titolo: perché addio? Tanto più che le presentazioni scritte fanno di quegli anni un laboratorio tutto da spiegare. Anni settanta dunque non addio, c'è troppa roba là dentro ancora da metabolizzare e la mostra stessa, tutto sommato, ne dà conto. Mancano però molte cose: la scuola, gli studenti, l'università ma poi anche le tecnologie nuove  che affascinavano (improvvisamente si parla poi dell'informatica e sembra come che i marziani siano scesi tra noi). Però che sberla! Io sono rimasto anche un po' schiacciato, a un certo punto io e Adriana ci siamo detti: ma noi dove eravamo mentre succedevano tutte queste cose?Presi molto di più dalle relazioni politiche, seguivamo meno i fermenti artistici tranne quelli di cui ci portavano l'eco i nostri studenti e qualche collega. E tuttavia c'è da meditare sul fatto che le sparatorie, l'autonomia operaia, la violenza di massa non viene storicizzata: qui nella mostra tutto ciò accade e basta, dell'autoritarismo nelle fabbriche e a scuola, della repressione delle lotte operaie, contadine e studentesche con tutti i morti dagli anni sessanta in avanti niente. Però il materiale sulle forme espressive per informarsi e discutere c'è ed è abbondante.

Add a comment
Leggi tutto...
 
Verso nuovi soggetti politici PDF Stampa E-mail
Editoriali e dibattiti - Dibattito redazionale
Venerdì 13 Luglio 2012 00:00

a cura della redazione

L'insofferenza verso la situazione sociale sempre più precaria di milioni di uomini e donne non più solo migranti, cresce di giorno in giorno e si esprime in modi diversi e cangianti: alcuni in forme più stabili e altri estemporanei. Tutti questi movimenti e aggregazioni a livello continentale esprimono una sfiducia pressoché totale nei confronti delle forme della politica e delle rappresentanze storiche e questo è al tempo stesso appassionante per lo scenario nuovo che può aprire e allarmante perché dal fondo di questa deriva ritornano alla superficie anche forze oscure alcune delle quali si richiamano esplicitamente al nazismo. In Italia ALBA è l'aggregazione recente più vistosa e per questo abbiamo deciso di dedicare il dibattito redazionale a una riflessione politica che parte dal manifesto dei promotori, che può essere letto qui.

Tuttavia ALBA non vuole essere per noi né un pretesto strumentale e neppure il solo riferimento del dibattito, ma solo un'occasione di ampia riflessione che si rivolge a diversi interlocutori e interlocutrici e prima di tutti ai lettori e alle lettrici di Overleft sui temi di una nuova soggettività politica, capace di appassionare e incidere.

Add a comment
Leggi tutto...
 
Riflessioni sulla crisi PDF Stampa E-mail
Editoriali e dibattiti - Dibattito redazionale
Giovedì 02 Febbraio 2012 17:50

Il testo di seguito è stato scritto da Franco Romanò, ma accoglie sollecitazioni e riflessioni dell'intera redazione.

Gli scenari cambiano in continuazione o così sembra: tuttavia, alcune linee di tendenza paiono ormai delinearsi con sufficiente chiarezza, almeno per poter avanzare qualche ipotesi e previsione sensata. Tali linee di tendenza si manifestano prima di tutto sul piano geopolitico, mentre latitano o quasi sul piano della reazione dei popoli, nonostante micro sollevazioni un po' ovunque, ma che non riescono a raggiungere la benedetta massa critica. È per questo che discutere, ma specialmente agire, in un contesto come questo, è particolarmente difficile: da un lato le riflessioni di geopolitica, senza potere influire su di esse, hanno il sapore di dispute accademiche che, per quanto intelligenti, alla lunga generano un senso di frustrazione; d'altro lato, però, è impossibile pensare a qualsiasi forma di resistenza o autodifesa dal basso senza tenerne conto. Allora, per rendere più agile questa riflessione e non ripetere cose dette molto bene da Marco D'Eramo in due successivi interventi sul Manifesto, riflessione che condivido pressoché totalmente, mi limito ad alcune chiose ulteriori sulla situazione della Germania. Add a comment

Leggi tutto...
 
OverLeft n*3, autunno 2011 PDF Stampa E-mail
Editoriali e dibattiti - Dibattito redazionale
Venerdì 11 Novembre 2011 00:00

a cura della redazione

Zuccotti Park a New York, mentre viene scritta questa presentazione del nuovo numero di Overleft, è ancora presidiato dai militanti del movimento Occupy Wall Street. Stanno discutendo di un documento di cui si conosce il titolo:Foto di Silvio Pacillo Nuovo statuto economico del Popolo Americano che verrà reso pubblico, nella stesura definitiva, solo alla fine di novembre. Ma dei diciannove punti contenuti nella bozza di discussione si sa già qualche cosa: blocco degli aiuti agli istituti bancari, tassa sulle transazioni finanziarie, forti investimenti nelle infrastrutture, sviluppo centrato solo sull'energia alternativa, misure che impediscano alle imprese di delocalizzare; democratizzazione delle istituzioni finanziarie internazionali come il FMI e la Banca Mondiale, stop alla privatizzazione dell'acqua e ai cibi geneticamente modificati, sostegno alla scuola pubblica e piena gratuità della formazione, controllo del mercato delle armi ecc. Pare che gli estensori del documento siano più di un centinaio e non è facile quindi prevedere quale piega prenderà la discussione. Nel frattempo il movimento si è esteso a più di settanta città americane e si è congiunto alle altre mobilitazioni già in corso in altri paesi europei ed asiatici. Come è noto il 15 ottobre è stata una giornata di lotta su dimensione globale con 950 manifestazioni (così si dice) in ottanta paesi. Benché negli anni passati ci siano state manifestazioni tenute negli stessi giorni in diversi paesi, in questo caso, ci troviamo di fronte alla prima giornata di lotta condotta simultaneamente a livello mondiale. Essa rappresenta quindi un fatto storico, una pagina nuova nell'epopea delle mobilitazioni popolari. Overleft riconosce l'importanza di questi movimenti per la carica critica che manifestano nei confronti di un'economia ispirata ai principi del neoliberismo, guidata dall'alta finanza, fondata sul profitto e sulla logica di mercato e intende seguire per quanto possibile il loro percorso con approfondimenti tematici, riflessioni, pubblicazione di documenti. Nel frattempo continuiamo a seguire il nostro tragitto di ricerca e discussione sui problemi economici e culturali del tempo presente con la diffusione di questo terzo numero (quarto comprendendo il numero zero) della nostra rivista on-line). Nella rubrica Con Marx oltre Marx, vengono presentati  due ritratti dell'autore di Il Capitale (il primo di Jacques Attali, il secondo di Eric Hobsbawn) e uno di Frederic Engels (di Tristram Hunt) che dimostrano il rinnovato interesse per la loro vita e per le loro teorie ritornate di attualità dopo la fine delle esperienze del socialismo reale. Nella sezione intitolata L'altra globalizzazione, su concessione di Pino Ferraris, viene presentato il suo studio, che è l'unico apparso in Italia, sui numerosi suicidi avvenuti a France Telecom e in altre aziende francesi: episodi che mettono in luce la barbarie a cui può arrivare una organizzazione del lavoro postfordista integralmente subordinata al profitto. Per Dopo il diluvio pubblichiamo saggi sui poeti Marianne Moore, Wallace Stevens, Alice Ceresa, Dino Campana e Giacomo Leopardi (tutti poeti a dire il vero di ‘prima’ del diluvio!). Per Spigolature proponiamo un'intervista a Loris Caruso, l'autore di un interessante studio sui movimenti del No-Tav e No-Dal Molin, che aggiorna le analisi sulla mobilitazione contro l'alta velocità in val di Susa alla luce dei nuovi avvenimenti.

Non apriamo questo numero col consueto dibattito redazionale: abbiamo tuttora in corso nuove riflessioni sull’anomalia italiana, sulle forme del lavoro, ma in particolare una disamina sul rapporto tra stato italiano e Vaticano, tutto ciò è in programma per il prossimo numero.

Add a comment
 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 2